Home » INFO VARIE

INFO VARIE

IVA - REVERSE CHARGE PER DITTE ESTERE

IVA - REVERSE CHARGE PER DITTE ESTERE - Go Trasporti & Noleggio

Territorialità Iva nei servizi UE: articolo 7-quater

In ambito Iva l’articolo 7-ter del DPR 633/72 disciplina la regola generale della territorialità Iva delle prestazioni di servizi rese in ambito comunitario. L’articolo 7-quater prevede una serie di deroghe, prevedendo diversi criteri per stabilire la rilevanza territoriale di alcune tipologie di servizi, anche in base alla natura del committente e del servizio stesso. 

La disciplina generale delle prestazioni di servizi intracomunitari è disciplinata dall’articolo 7-terdel DPR n. 633/72.

Disciplina secondo il quale nei rapporti B2B(ovvero tra operatori economici), le prestazioni di servizi intracomunitarie sono imponibili Iva nel paese del committente. Attraverso il meccanismo dell’inversione contabile (c.d. “reverse charge“). 

Accanto a questa disciplina generale esistono una serie di regimi derogatori, che prevedono una diversa applicazione dell’Iva nei rapporti B2B.

Se, invece, la prestazione è B2C, vale la regola generale di applicazione dell’Iva nel Paese del prestatore. Quindi in fattura dovrà essere applicata Iva italiana.

Servizi di locazione e noleggio 

Il comma 1 lettera e) dell’articolo 7-quater del DPR n. 633/72 stabilisce la territorialità Iva dei servizi di locazione finanziaria e noleggio effettuate in ambito UE.

Servizi di locazione

I servizi in esame sono soggetti a regole diverse, a seconda che i relativi contratti siano a breve o a lungo termine (breve termine < 30 gg).

  • Contratti a breve termine – si considerano effettuati in Italia quando i mezzi di trasporto sono messi a disposizione del destinatario in Italia e sempre che siano utilizzati all’interno della UE, oppure quando i mezzi sono messi a disposizione del destinatario al di fuori della UE e sono utilizzati in Italia. Non rileva, quindi, ne il luogo ove è stabilito il committente, e nemmeno il prestatore.
  • Contratti a lungo termine – Si considerano effettuate in Italia quando sono rese ad un committente soggetto passivo Iva stabilito in Italia, indipendentemente dalla residenza del prestatore e dal luogo on cui sono eseguite. Se, invece, sono rese ad un committente privato, si considerano effettuate in Italia quando il committente è domiciliato in Italia, o sono rese ad un soggetto extra UE ed utilizzate in Italia.

NB: PER TANTO TUTTE LE TARIFFE APPLICATE, SIANO B2B O B2C, AVRANNO LA COMPONENTE IVA AL 22%.